Notizie positive

Progressione fulminante dell’auto elettrica in Svizzera e in Europa

Articolo del 25 maggio 2022

In Europa, nel primo trimestre 2022, le vendite di automobili elettriche hanno registrato un balzo in avanti di +60.8% rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso, sorpassando per la prima volta le vendite di auto ibride. 

In Europa (Unione Europea, Paesi dell’EFTA, Svizzera e Regno unito compresi) il mercato dell’auto a benzina e a diesel sta letteralmente crollando. Nel 1° trimestre di quest’anno, le vendite di veicoli a benzina sono diminuite del 21.4% rispetto allo stesso trimestre di un anno fa, quelle di veicoli a diesel addirittura del 34.6%. Le auto con motore a scoppio rappresentano oramai solo poco più della metà delle vendite, ossia il 51.5% del mercato. Erano 61,9% nel 1° trimestre dell’anno scorso. La transizione energetica nel campo dei trasporti sta dunque subendo una fortissima accelerazione, impensabile solo pochi anni fa. Le automobili con motore a scoppio hanno perso quote di mercato in tutti i mercati europei, anche nei quattro principali paesi: Francia (-44,1%), Italia (-39,2%), Spagna (-30,8%) e Germania (-20,2%). Da notare che 10 anni fa oltre il 90% dei veicoli venduti in Europa carburavano a benzina o al diesel.

Boom delle auto al 100% elettriche

A segnare il balzo in avanti più significativo in questo 1° trimestre sono le vendite di veicoli puramente elettrici, i cosiddetti BEV (Battery Electric Vehicle) che sono aumentate del 53,4% e hanno superato per la prima volta le vendite di auto ibride plug-in (PHEV). In diversi paesi europei si sono addirittura registrati guadagni percentuali a tre cifre, con la crescita più forte che viene segnalata dalla Romania con un +408%.

Dei quattro maggiori mercati europei, la Spagna ha visto il più forte aumento (+110,3%), seguita dalla Francia (+42,7%) e dalla Germania (+29,3%). A causa della temporanea assenza di incentivi, l'Italia è stato l'unico paese dell’Unione Europea a registrare un calo nelle consegne di BEV (-14,9%).

Situazione invece altalenante per quanto riguarda le ibride:

Le vendite delle cosiddette HEV (Hybrid Electric Vehicle), auto a motorizzazione ibrida ma non ricaricabili alla spina, sono cresciute del 6,3%, mentre le vendite delle PHEV (Plug-in Hybrid Electric Vehicle), ossia le automobili ibride ricaricabili alla spina, sono calate del 6.1%, pur aumentando la loro quota di mercato e ciò a causa del massiccio calo delle vendite di auto convenzionali a diesel e a benzina.

In Svizzera il mercato dell’auto al 100% elettrica è cresciuto del 86.2% in un solo anno

Nel nostro paese la quota di mercato delle automobili al 100% elettriche ha superato nel 2021 per la prima volta la soglia del 10%. Al termine del 1° trimestre di quest’anno un’automobile venduta su sei, ossia il 16.3%, risultava al 100% elettrica. Considerando anche le automobili con una motorizzazione ibrida (BEV, PHEV e HEV), quest'anno, la quota di mercato delle vetture elettriche ha addirittura superato il 50%. 

Fanalino di coda nella mobilità elettrica fino a qualche anno fa, la Svizzera si situa oggi all’ottavo posto fra la trentina di paesi europei, con quasi ¼ di quota di mercato dei veicoli elettrici plug-in (BEV + PHEV), subito dietro ai Paesi Bassi, ma davanti al Lussemburgo. In cima al podio continua invece a troneggiare la Norvegia con l'87% di veicoli completamente elettrici e ibridi plug-in.

Ricordiamo quali sono le tre principali categorie di veicoli elettrici

BEV (Battery Electric Vehicle) dispongono solo di un motore elettrico alimentato da una grande batteria che viene ricaricata alla spina e tramite il recupero dell’energia durante le fasi di frenaggio. Questi veicoli dispongono di un’autonomia media di circa 290 km, autonomia che può anche oltrepassare i 500 km per i modelli di alta gamma (840 km per la Tesla Model S Plaid+, 770 km per la Mercedes EQS).

PHEV (Plug-in Hybrid Electric Vehicle) sono veicoli che condividono un motore elettrico con uno endotermico. La loro batteria può essere ricaricata sia alla presa della corrente, sia tramite un generatore di elettricità alimentato dal motore endotermico. I pacchi batteria delle PHEV sono decisamente più capienti di quelli delle HEV, ma molto meno capienti di quelli delle BEV. Essi sono in grado di assicurare alla vettura un’autonomia puramente elettrica che può variare da circa 50 a 70 km a seconda del modello, di che coprire il fabbisogno di energia per i percorsi medi di un’automobile durante la maggior parte delle giornate lavorative. Nelle PHEV il motore termico entra in funzione solo nei casi in cui la batteria fosse scarica o durante viaggi di lunga percorrenza.

HEV (Hybrid Electric Vehicle) sono veicoli che dispongono di un motore principale a benzina o a diesel assecondato da un piccolo motore elettrico di supporto, alimentato da una batteria che viene ricaricata da un sistema che converte in elettricità l’energia cinetica del veicolo durante le fasi di frenaggio, ma che non può essere ricaricata alla spina. Questo tipo di veicolo permette di viaggiare in modalità puramente elettrica solo per pochi km, ma diminuisce il consumo di carburante soprattutto durante la fase di partenza.