Notizie positive

I Liberali radicali per l’ambiente chiedono una svolta vera, non solo di facciata

Articolo del 20 febbraio 2019

L’Associazione liberale radicale per l’ambiente (Alra) ha scritto alla presidente nazionale del Partito Liberale Radicale, Petra Gössi, e ai parlamentari ticinesi del PLR per chiedere una svolta vera e non solo di facciata nella politica di contrasto al cambiamento climatico

Secondo Katya Cometta, la presidente dell’Associazione liberale radicale per l’ambiente, il tema ambientale sta letteralmente esplodendo nelle mani del suo partito. Il PLR è infatti un partito che si è sempre concentrato sull’economia, tralasciando le questioni ambientali e tutti gli aspetti dell’economia sostenibile. Non a caso è nato alcuni anni or sono al suo esterno il Partito dei Verdi Liberali, pure lui di ispirazione liberale, ma con una maggiore sensibilità ecologica..

Katya Cometta ha salutato la svolta in ambito ambientale annunciata recentemente dalla presidente Gössi, auspicando tuttavia che si tratti di una svolta vera, che non duri soltanto lo spazio delle elezioni federali del prossimo autunno. Ricordiamo che Petra Gössi aveva annunciato qualche settimana fa che il PLR non si sarebbe più opposto alla tassa del CO2 sui biglietti aerei, né agli obiettivi nazionali di riduzione delle emissioni, cosa che aveva invece fatto in modo compatto nel dibattito al Consiglio Nazionale sulla legge del CO2 lo scorso mese di dicembre, facendo finalmente naufragare la legge.

Katya Cometta non nasconde che “tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare” e che il mare in questione è ancora pieno di scogli. Intanto però nella popolazione la sensibilità alle questioni ambientali sta crescendo, come lo dimostrano le recenti grandi manifestazioni dei giovani per il clima, le più importanti da decenni nel nostro paese e la questione ambientale arrischia di diventare una pesante palla al piede per tutto il partito. Cometta ricorda che in politica serve lungimiranza e un maggiore rispetto per le aspettative dei cittadini, anche se il lobbying di certi ambienti economici resta pesante.